Il Pensatoio Think Tank

Esortazione e dedica del giorno prima

. Posted in Think Tank

Caro Edoardo,
cari Colleghi e Amici del "manipolo" e loro Assistenti,
cari Collaboratori Tutti della realizzazione in fase operativa del CPRC,
siamo giunti all'importante appuntamento del Convegno in "pompa magna" che va in scena domani primo dicembre 2009 alle ore 8.30 nella stupenda e simbolica location del Teatro Capranica di Roma, di fronte al Parlamento di Piazza Montecitorio, con rilevanza a livello nazionale.
Tutto è pronto per quanto riguarda la presentazione UFFICIALE del CPRC , entrato di recente in fase operativa: ci sarà molta folla, molti colleghi professionisti , commercialisti ed avvocati, giornalisti, molte personalità di rilievo nel mondo delle professioni , molti "think tank" del settore della conciliazione. Dopo l'immane attività svolta per la preparazione del CPRC , questa notte continueremo -insieme a qualche volontario - a fare i montaggi e le prove di trasmissione telematica  del "Punto Tecnico CPRC",  sito sul foyer del Teatro.

Tutto dovrà funzionare alla perfezione e i DIECI colleghi del manipolo+assistenti faranno del loro meglio affinchè ciò avvenga. Edoardo sarà impegnato, istituzionalmente,  nella delicata partecipazione al convegno come relatore , e soprattutto nella  convincente "moral suasion" dei benpensanti.
Adesso, a poche ore dall'evento, mi sia consentito fare questa riflessione e considerazione con tutti Voi, che avete contribuito affinchè questo sia stato possibile, sotto la attenta e saggia guida di Edoardo: il lavoro è stato duro, faticoso e gli inizi per chi scrive non sono stati certo incoraggianti, avendo toccato con mano l'iniziale diffidenza e scetticismo dei più verso le mie idee, forse troppo "avanti".  Il mio progetto Comm-unico è di aprile 2009 .  Sono stato artefice e portavoce di ideazioni, ora realizzate, ma inizialmente viste con  occhiuto sospetto, diffidenza e falso protagonismo.
Questo ha determinato in me delle scelte.  Così come all'inizio ho scelto di far parte della Commissione Arbitrato e Conciliazione, porgendo un cortese rifiuto di partecipazione alla Commissione Funzioni Giudiziarie, nella quale ugualmente ero stato scelto a far parte (diniego coraggioso considerata la mia quindicennale attività prof.le di curatore fall.re e di CTU in primo e secondo grado....).
Come sapete a seguito di incomprensioni sulle mie "visioni strategiche" del CPRC, a giugno 2009 ho rassegnato le mie formali dimissioni dalla Commissione Arbitrato e Conciliazione, che sono state rifiutate dal ns Presidente Edoardo, il quale mi ha confermato la sua fiducia e mi ha invitato a proseguire sul cammino.


Poi sono successe altre cose.....in pausa estiva....
Adesso,  al Vs cospetto, DEDICO la mia ideazione del progetto COMM-UNICO , la progettazione e la realizzazione "in operas" , la triplice interrelazione tra: sito internet, sistema gestionale e servizi avanzati di telecomunicazione e segreteria remota , del CENTRO CPRC, tutte le personali ideazioni e gli sviluppi (MOLTI) connessi, e CONSACRO  tutte le energie profuse e il lavoro sin qui da me svolto, di giorno e di notte, per i giorni feriali e per quelli festivi,  necessario all'avvio del CPRC,   al mio amato figlio piccolo .
Alla SUA capacità di FORZA , LOTTA e CORAGGIO dimostrata dopo il pauroso incidente del 08.08.2009 in territorio estero e alla BENEVOLENZA di DIO e degli uomini che lo hanno accompagnato nel difficile percorso di ritorno , prima che dal paese straniero, soprattutto dal coma profondo di serio livello e dalle connesse complicazioni dell' incidente per il grave urto, che lo hanno portato all'imminente e concreto rischio della giovane vita.
Mio figlio SI CHIAMA VALERIO MERIDIO BOCCANERA (Valerio Meridio è il nome composto, così come Gian Marco è il mio) e compirà 5 anni il 01.01.2010 (proprio così... il primo gennaio duemiladieci, essendo nato il primo gennaio duemilacinque.....).
Si chiama, al presente, perchè è ancora vivo e sta adesso in fase di guarigione , anche se porta ancora sul corpo i segni indelebili di quell'esperienza vissuta a soli 4 anni e mezzo, che davvero in pochi vivono nell'arco di una vita intera.  Ma Lui è forte e coraggioso e il Suo "nomen" reca un "omen" di alto valore simbolico che lo aiuterà nel cammino dell' esistenza.  Mi onoro di essere Suo padre.
A LUI va la solenne consacrazione del lavoro di papà e dell'impegno senza sosta e con caratteri di eccellenza, come ho dimostrato.
A TUTTI VOI  il mio sincero plauso, il privilegio e  la soddisfazione di aver contribuito, ciascuno per la sua parte, alla nascita di un' ISTITUZIONE della nostra categoria presso l' Ordine di ROMA (di ROMA) che si farà portavoce a livello nazionale dei nuovi sviluppi della professione, in un momento storico ADATTO e in un contesto ambientale di grave crisi economica e sociale in cui c'è bisogno di CONTRIBUTI  "illuminati" alla gestione e risoluzione delle controversie e a far ripartire il SISTEMA PAESE.  Possiamo fare davvero molto, lo dobbiamo solo volere. Fortemente.
"Scatenate l'inferno" , sarà in metafora l'esortazione all'impegno convinto che Vi verrà richiesto -sia domani sia successivamente- per continuare sulla strada di far assurgere il nostro CPRC a riferimento istituzionale per quanto di ns competenza, al fine di dimostrare al "Principe Commodo" , rappresentazione dello scetticismo, incredulità e sottovalutazione,  quale è invece la effettiva POTENZIALITA' e PORTATA INNOVATIVA DEL CPRC DI ROMA, città eterna.