Il Pensatoio Think Tank

09
Dic
2010

Competenza ed Eupetenza: il ruolo aggiunto dei Professionisti

. Posted in Think Tank

Potenzialmente rilevante è il Ruolo dei Professionisti nel rilancio del Sistema-Paese Italia e occorre che venga espresso non nelle forme di anacronistica tutela arroccata su presunte prerogative ed esclusive di categoria, bensì nelle forme del VALORE AGGIUNTO da rendere al Paese.

 

In questa direzione e sotto questi auspici sarebbe opportuno avviare a conclusione la Riforma delle Professioni. Ho immaginato che il valore aggiunto che i Professionisti, TUTTI i Professionisti, sono in grado di esprimere al Paese, passi attraverso due direttrici fondamentali: la competenza e l’eupetenza.


La COMPETENZA è il possesso riconosciuto ed esercitato di determinate abilità o preparazioni tecniche, necessarie al caso di specie. Arte tipica delle Professioni, ciascuna nel pieno rispetto delle proprie e altrui peculiarità.

 

La EUPETENZA, invece, è un neologismo di mio personale e recente conio e di provenienza semantica dall'aggettivo greco ευπετης ,ες (eupetes, eupetes = facile, agevole) . Sta a significare il possesso di atteggiamento mentale e d'animo alla facilitazione di ciò che è , o che appare, difficile.

 

L' EUPETENZA, quindi, è arte di RENDERE FACILE, ovvero arte di FACILITARE i rapporti e le composizioni degli stessi su binari comuni. E' la predisposizione d'animo alla ricerca dell'armonia della composizione e del MIGLIORAMENTO DEL FARE.

 

E' l'assetto di partenza per affrontare, in superiore, armonica e condivisa sintesi, le contrapposte tesi ed antitesi.  Riecheggia un po’ l'arte di togliere i bastoni dalle ruote, per consentire al Carro di continuare il suo percorso. Nella profonda convinzione che il Carro porta tutti noi, e che ciascuno ne possa e debba contribuire alla inarrestata marcia.

 

Ed è l'esatto contrario della strisciante abitudine di "mettere i bastoni nelle ruote" ovvero il contrario di avviluppare di lacci e laccioli il libero svolgimento delle umane attività, detto OSTRUZIONISMO . L'eupetenza è il contrario dell' ostruzionismo, che tanto frena e rallenta  la spinta all'innovazione e al cambiamento.

 

Il nostro stratega Niccolò Machiavelli diceva che "laddove men si sa, più si sospetta", indicando una IDENTIFICABILE e diffusa predisposizione d' animo alla conservazione dell'esistente, al mantenimento dello status quo, poiché ciò che è NUOVO, e quindi DIVERSO da  quello che siamo abituati a vedere, sentire e pensare,  detto INNOVAZIONE,  non sempre viene adeguatamente compreso, ma spesso anzi viene visto con occhiuto sospetto da chi non riesce a comprenderne la portata, o ne teme rischi per il mantenimento delle proprie rendite di posizione, oppure - più sottilmente a livello psicologico -  teme di soffrirne una deminutio capitis , ovvero una diminuzione della propria personale importanza e riconoscibilità sociale.

 

Eupetenza significa COSTRUZIONISMO (= contrario di OSTRUZIONISMO) , ovvero l'arte di liberare i vincoli mentali, psicologici ed ideologici rispetto al cambiamento, per renderlo comprensibile, fluido, auspicabile, conveniente,  nella consapevolezza che questo è migliore della situazione precedente, ai fini dei superiori interessi collettivi.

 

L’ EUPETENZA, cioè, può identificarsi con  L'ARTE E LA STRATEGIA APPLICATA NEL FACILITARE IL CAMBIAMENTO.EUPETENZA vuol dire RI-SOLVERE (dal lat. solvere = sciogliere, appunto sciogliere i lacci, i freni ). Ευπετεια , ας (eupeteia, eupeteias. sost.) = facilità. Ευπετειας διδοναι (eupeteias didonai) = dare facilità, facilitare.

 

Competenza ed Eupetenza, nella mia visione, si contemperano a vicenda nella diffusione PANDEMICA del MEME DELLA CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE sul territorio Nazionale ad opera dei Professionisti, di TUTTI i Professionisti, che in tal modo operano come DIFFUSORI e REPLICATORI della nuova idea.

 

Gian Marco Boccanera,

estratto dal libro "Conciliazione e Strategia".

 


 

CLICCA QUI per acquistare il libro "Conciliazione & Strategia: Meme evolutivo del Sistema-Paese"