Il Pensatoio Think Tank

22
Set
2011

. Posted in Think Tank

 

 

È  da giorni ormai che si legge su ogni quotidiano, specialmente di impostazione economica, che la pensata degli EUROBOND potrebbe essere LA soluzione alla crisi finanziaria che attanaglia in questo momento la nostra Europa, e che ha innescato pericolose spinte disgreganti verso il concetto stesso di Unione Europea.

 

Illuminati contributi di Professori ed insigni Economisti hanno spiegato che il meccanismo cd “Salva Stati” EFSF (European Financial Stability Facility) sarebbe in grado di acquistare Titoli (bond) del Debito Sovrano dei vari Paesi membri UE, sia al fine di scongiurarne il possibile default, sia al fine di mantenere ad livello di sostenibilità i relativi rendimenti sul mercato, calmierandoli.

 

Sì, ma come?

 

Emettendo a sua volta TITOLI , cioè EUROBOND , garantiti dai singoli Paesi dell’Unione Europea in un modo che ancora non è ben chiaro, e vendendoli sul mercato globale a Investitori Istituzionali.

 

In pratica cosa succede? Che il meccanismo del DEBITO TRASLA, cioè passa dagli Stati Sovrani singoli all’ Entità Sovranazionale che è l’Unione Europea, proprio attraverso l’ Ente-Veicolo EFSF, che assomiglierebbe così a un “conduit” finanziario. Il Debito e le responsabilità di chi ha contribuito ad aggravare il #debitopubblico nazionale  con scelte politiche dissennate,  rimangono sempre invariatii. Anzi, vengono traslati ad un livello di responsabilità politica superiore, e – soprattutto-  vengono posti a carico ULTERIORE delle Giovani Generazioni Europee nel loro insieme.

 

 

 

 

Con gli Eurobond -poi- si alimenta sempre di più l’#azzardomorale, poiché i decision makers politici dei singoli Stati Membri non dovranno sottoporsi al “redde rationem” del loro Popolo e della loro base elettorale, in quanto verrà rappresentato che il Debito Sovrano , ora e in futuro, verrà sempre garantito da un Entità Sovranazionale, aprendo il campo ad ulteriori comportamenti irresponsabili, che così verranno garantiti da una crisma collettivo di impunità.

 

No, non sono d’accordo con l'impostazione strategica degli EUROBOND, che mi danno tanto l’idea di essere un nastro trasportatore di debito da un piano all’altro della scala delle nostre generazioni, atteggiamento di questi tempi assai di moda,  per nascondere l’assoluta mancanza di coraggio e di capacità nell’ adottare misure altamente impopolari , ma assolutamente necessarie alla salute della Repubblica dei singoli Paesi Membri Ue.

 

 

In momenti di grave crisi , nell’antica Roma di duemila anni fa, veniva usata la formula del “SENATUS CONSULTUM ULTIMUM” per indicare  l’assunzione di poteri speciali ai Consoli, in questo modo: “ Videant Consules ne quid ResPublica detrimenti capiat” (Provvedano i Consoli acchè lo Stato non abbia nessun danno).

 

 

 

di Gian Marco Boccanera